Uno spettacolo per dire “mai più”

Un anno fa, il corpo senza vita di un bambino su una spiaggia della Grecia faceva gridare al mondo “mai più”. Si trattava di Aylan Kurdi. Aveva 3 anni e scappava assieme alla sua famiglia dal suo paese, la Siria, insanguinato da cinque anni da una guerra spaventosa.

 

In Siria la violenza è ovunque, ha raggiunto case, scuole, ospedali, cliniche, parchi gioco e luoghi di preghiera. Dal 15 marzo 2011 quasi 5 milioni di persone sono state costrette alla scelta della famiglia di Aylan: lasciare la propria terra, la propria casa, per affrontare un viaggio incerto e pericoloso, semplicemente perché è l’unica opzione possibile.

7 milioni e mezzo di bambini hanno dovuto smettere di andare a scuola e crescere in fretta. Migliaia di loro hanno trovato temporaneo rifugio nei campi profughi presso la vicina Turchia.

 

Quasi 100mila persone si sono rifugiate a Kilis, 5 km a nord del confine tra i due Stati, sistemandosi tra sobborghi e campi di accoglienza, in condizioni al limite della dignità umana, prive di tutti i servizi di base. Ed è proprio a Kilis che abbiamo deciso di sostenere le attività del centro educativo e ricreativo Bayt al-Amal (“La casa della speranza”). Il centro, coordinato da Amal for Education, serve centinaia di famiglie siriane provenienti dalla zona di Aleppo, garantendo a 350 bambini accesso a corsi di alfabetizzazione, lingua turca, inglese e attività integrative e ricreative, oltre a programmi specifici di catch-up per coloro che hanno perso diversi anni scolastici a causa della guerra.

 

Al sostegno di questo nuovo progetto dedichiamo una serata di raccolta fondi in teatro: mercoledì 19 ottobre alle 21.00 saremo ospiti del Teatro Sette di Roma in occasione della messa in scena de “Il Pellegrino”, con Massimo Wertmuller. Uno spettacolo che, come racconta il protagonista, incita a schierarsi laddove sentiamo che l’argomento lo richiede, laddove avvertiamo che c’è in ballo qualcosa di importante che esige la nostra partecipazione: “Sì, sì lo so me l’hai sempre detto: a fasse l’affari propri se campa cent’anni. Ma mo’ io me chiedo, dimme ‘n po’, gli affari propri quali so?”.

 

“Il Pellegrino” 19 ottobre ore 21.00 Teatro Sette, via Benevento 23, 00161 Roma 18,00 euro posto unico platea.

Prenotazioni tramite: tel. 06-97273781 oppure [email protected]

 

Continua a leggere il nostro blog per rimanere aggiornato!

Altri contenuti dal Blog

News

La sfida educativa, un tema cruciale

In un mondo in rapida evoluzione, garantire alle nuove generazioni la possibilità di realizzare le proprie aspirazioni è vitale per il loro benessere personale, ma anche per il nostro benessere collettivo. Chi si occupa di educazione può fare la differenza, intervenendo in 4 macro-aree.

READ MORE

News

La scuola regala un futuro ai bambini del Congo

La mortalità infantile elevata, la malnutrizione diffusa, la scarsa copertura vaccinale e il difficile accesso all’acqua nella Repubblica Democratica del Congo costituiscono gli ostacoli maggiori al benessere dei bambini.

READ MORE

News

Il valore dell’arte per i bambini

L'arte non è “solo” uno strumento importante per stimolare la curiosità dei bambini, dare spazio e tempo alle loro emozioni e sostenerne le creatività. È anche una finestra aperta sul mondo.

READ MORE

News

Emozionarsi per imparare

Una scuola che fa entrare le emozioni in classe non è solo impegnata a offrire istruzione in senso classico, ma diventa un’istituzione “formativa” dell'essere umano.

READ MORE