Sempre più ONG impegnate a combattere le nuove povertà in Italia

Le ONG – Organizzazioni non governative italiane attive nella cooperazione allo sviluppo e dell’aiuto umanitario – hanno presentato i loro dati di trasparenza riferiti al 2021 sul portale “Open Cooperazione, che raccoglie i dati di oltre 200 organizzazioni italiane.

Le informazioni sono molte e dettagliate, ne abbiamo scelta qualcuna.

 

Per quanto riguarda le entrate, il rapporto tra fra fondi pubblici e fondi privati è del 60% e 40%. I fondi pubblici arrivano dai finanziatori istituzionali: il 35% dall’Agenzia italiana per la Cooperazione e dal MAECI, un altro 35% dall’Unione Europea, il 17% circa dagli enti territoriali, il 12% dalle agenzie delle Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali.
I fondi privati, oltre a quelli derivanti dalle donazioni liberali individuali, arrivano dal 5×1000 (31,9%), da donazioni o partnership con le aziende (32,1%), dalle Fondazioni (26,8%) e dalle Chiese (9,2%).

 

Un dato inedito, gli interventi più rilevanti hanno riguardato il nostro Paese. Il numero più alto di progetti è stato infatti realizzato in Italia: ben 917 progetti di 70 organizzazioni.
All’estero si conferma il primato dei Paesi africani, in primis Mozambico, Etiopia, Uganda, Kenya, RD Congo, Burkina Faso e Senegal. A seguire Libano e Siria.
Focus della maggior parte dei progetti sono stati educazione e istruzione, poi le emergenze, l’aiuto umanitario e la salute.
“Non deve stupire l’attività delle ONG nei territori del nostro paesespiega il fondatore e curatore di Open Cooperazione, Elias Gerovasi – si tratta di una tendenza ormai consolidata e sicuramente in crescita dopo la pandemia. Sempre più organizzazioni si sono attivate sul fronte delle nuove povertà che il Covid ha accentuato: povertà educativa, alimentare e ultimamente anche energetica sono fenomeni molto diffusi e non riguardano più solo determinate categorie svantaggiate. Anche i dati Istat ci dicono che è in crescita importante il numero di persone che hanno casa, lavoro e famiglia, ma che non arrivano a fine mese”.


Sono aumentate anche le risorse umane
impegnate nel settore: 26.000 persone, vale a dire il 4% in più rispetto al 2020. Oltre 4.000 lavorano in Italia e oltre 21.000 all’estero; di questi 2.274 sono italiani espatriati, i cosiddetti “cooperanti”.

A fianco del personale retribuito troviamo i volontari, un risorsa preziosissima per questo settore. Sono quasi 45.000 e anche questo è un trend in crescita, dal momento che sono più di 9.000 rispetto all’anno precedente.

 

Approfondisci qui: https://www.open-cooperazione.it/web/news-non-solo-estero-le-ong-sempre-piu-presenti-in-italia-nel-contrasto-alle-nuove-poverta–RhFkGKpa_f4Xaz.aspx

 

Continua a leggere il nostro blog per rimanere aggiornato!

Nel laboratorio educativo di Tor Bella Monaca a Roma si gioca insieme anche d'estate
I bambini giocano nei laboratori estivi a Tor Bella Monaca

Altri contenuti dal Blog

News

La sfida educativa, un tema cruciale

In un mondo in rapida evoluzione, garantire alle nuove generazioni la possibilità di realizzare le proprie aspirazioni è vitale per il loro benessere personale, ma anche per il nostro benessere collettivo. Chi si occupa di educazione può fare la differenza, intervenendo in 4 macro-aree.

READ MORE

News

La scuola regala un futuro ai bambini del Congo

La mortalità infantile elevata, la malnutrizione diffusa, la scarsa copertura vaccinale e il difficile accesso all’acqua nella Repubblica Democratica del Congo costituiscono gli ostacoli maggiori al benessere dei bambini.

READ MORE

News

Il valore dell’arte per i bambini

L'arte non è “solo” uno strumento importante per stimolare la curiosità dei bambini, dare spazio e tempo alle loro emozioni e sostenerne le creatività. È anche una finestra aperta sul mondo.

READ MORE

News

Emozionarsi per imparare

Una scuola che fa entrare le emozioni in classe non è solo impegnata a offrire istruzione in senso classico, ma diventa un’istituzione “formativa” dell'essere umano.

READ MORE