Fare insieme per fare meglio

Nel vasto mondo delle organizzazioni non profit, un dato emerge con sempre maggior evidenza nel lavoro dei cooperanti e dei professionisti del settore: la cooperazione ha la necessità di abbandonare la ormai superata logica dell’aiuto, in favore di una collaborazione sempre più paritaria con i Paesi e le organizzazioni partner.

Nel passaggio dalla logica dell’aiuto a quella della collaborazione è indispensabile fare attenzione al tema della decolonizzazione per non inciampare, magari involontariamente, in modelli che non si discostano a sufficienza da antichi sfruttamenti con il rischio, non marginale, di creare nuove disuguaglianze.

Questo è stato il monito lanciato da Emilio Ciarlo, responsabile delle Relazioni istituzionali e della comunicazione dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (Aics), dal palco di Blue Sea Land, l’expo dei cluster del Paesi del Mediterraneo, Africa e Medio Oriente che si è tenuta in Italia lo scorso dicembre.

Nell’intervento cooperativo le unicità e i valori di ogni Paese vanno rispettati e sostenuti. Il rischio, altrimenti, è quello di essere fin troppo presenti, finendo per prevaricare le realtà con cui si viene in contatto.

Un altro esempio del rovesciamento della prospettiva tra chi aiuta e chi riceve aiuto è venuto da Odile Sankara, attivista, artista e sorella dell’ex presidente del Burkina Faso: “L’Africa, a causa del colonialismo, non ha mai valorizzato a pieno le proprie ricchezze, materiali e immateriali, ma credo che possa fare molto per gli altri Paesi. Per esempio proponendo il proprio rapporto con la natura, con l’uomo, e con la comunità: valori spirituali che l’Occidente sta perdendo”. Una spinta decolonialecondivisa in Africa da sempre più movimenti artistici, culturali e di attivismo.

Guglielmo Micucci, direttore di Amref Health Africa-Italia, ha sottolineato l’importanza di ripensare anche il linguaggio e la comunicazione per restituire un racconto più veritiero di un continente pieno di difficoltà, ma anche di opportunità. I bambini piangenti e denutriti, immagine simbolo di tante campagne comunicative e di raccolta fondi, sono solo una parte della realtà africana e dei progetti di cooperazione internazionale.

Il motto potrebbe essere “fare insieme per fare meglio”. Ma che significa, in pratica? Significa personalizzare gli aiuti in base alle esigenze e ai bisogni espressi dai beneficiari, favorendo la loro partecipazione e coinvolgimento. La localizzazione dell’aiuto contribuisce anche a creare una maggiore trasparenza nell’utilizzo dei fondi, garantendo che questi siano impiegati in modo efficace e responsabile. Quando questo modello sarà accettato potremo dire che la localizzazione è una realtà e la decolonizzazione una questione superata, in un mondo ormai completamente interconnesso.

Notizia tratta dal sito https://www.aics.gov.it/news/2022/72337/

 

Continua a leggere il nostro blog per rimanere aggiornato!

Il pensiero condiviso genera più soluzioni

Altri contenuti dal Blog

News

La sfida educativa, un tema cruciale

In un mondo in rapida evoluzione, garantire alle nuove generazioni la possibilità di realizzare le proprie aspirazioni è vitale per il loro benessere personale, ma anche per il nostro benessere collettivo. Chi si occupa di educazione può fare la differenza, intervenendo in 4 macro-aree.

READ MORE

News

La scuola regala un futuro ai bambini del Congo

La mortalità infantile elevata, la malnutrizione diffusa, la scarsa copertura vaccinale e il difficile accesso all’acqua nella Repubblica Democratica del Congo costituiscono gli ostacoli maggiori al benessere dei bambini.

READ MORE

News

Il valore dell’arte per i bambini

L'arte non è “solo” uno strumento importante per stimolare la curiosità dei bambini, dare spazio e tempo alle loro emozioni e sostenerne le creatività. È anche una finestra aperta sul mondo.

READ MORE

News

Emozionarsi per imparare

Una scuola che fa entrare le emozioni in classe non è solo impegnata a offrire istruzione in senso classico, ma diventa un’istituzione “formativa” dell'essere umano.

READ MORE