Nepal, un nuovo progetto per le donne vittime di violenza

Il Nepal è conosciuto per i paesaggio maestosi e la sapienza di una civiltà antica, ma ha un triste primato: è uno dei paesi meno sviluppati al mondo e un terzo dei suoi abitanti vive con meno di 2 dollari al giorno.

 

Sappiamo che la povertà ha tante e spaventose conseguenze. La mancanza di beni primari e di istruzione esplode facilmente in episodi di violenza incontrollata a danno dei più inermi, come le donne ed i bambini.

 

Nascere donna in Nepal non si può dire che sia sempre una fortuna. La società nepalese è fortemente patriarcale e le bambine passano dall’autorità del padre a quella del marito, rimanendo sempre prive di qualsiasi diritto.

 

Il 70% delle bambine nepalesi non ha accesso all’istruzione. Il 25% va incontro a matrimoni precoci e  gravidanze a rischio, che mettono in serio pericolo la loro salute e la loro vita.

 

In Nepal la violenza di genere è diventata una piaga spaventosa. Le donne senza istruzione, prive di un reddito proprio e dei diritti fondamentali, sono costrette a subire violenza domestica nella loro famiglia d’origine o nella famiglia acquisita dopo il matrimonio.

 

Il 66% delle donne nepales è vittima di violenza, ma solamente il 7% denuncia l’accaduto. Chi sporge denuncia infatti non riceve nessun sostegno dai familiari ma viene allontanata, ripudiata o subisce una durissima punizione. La realtà in cui si trova a vivere la maggioranza delle donne in Nepal è così terribile, che i suicidi sono la prima causa di morte tra le adolescenti e le donne adulte.

 

Nel settembre 2020 abbiamo avviato un progetto a sostegno a donne e bambini sopravvissuti alla violenza di genere attraverso azioni di protezione, cura, riabilitazione, reinserimento sociale e accesso a condizioni di indipendenza economica ed affettiva.

 

I beneficiari sono 60 donne e 50 bambini che hanno sofferto per gravi episodi di violenza fisica, psicologica, economica, sessuale. Al loro fianco ci sono 30 operatori locali.

 

Il progetto è stato realizzato in partnership con Apeiron Italia e Apeiron Nepal, grazie a un finanziamento ricevuto dalla Chiesa Valdese attraverso il contributo dell’Otto per Mille.

 

Continua a leggere il nostro blog per rimanere aggiornato!

Altri contenuti dal Blog

News

Giorni speciali per i bambini di Tor Bella Monaca

L’altro ieri siamo andati in gita! L’ultima di 3 uscite pensate apposta per i bambini che partecipano alle attività estive del Centro Educativo per l’Infanzia, l’Adolescenza e la Famiglia di Tor Bella Monaca. Perchè al Centro si sta bene, ma andare a scoprire cosa c’è fuori ci regala nuove emozioni! Ecco cosa ci racconta Federica, […]

READ MORE

News

Un’estate di sorrisi al Centro di Tor Bella Monaca

Dal 20 giugno per 2 mattine e 3 pomeriggi dal lunedì al venerdì, siamo “tutti presenti e sull’attenti!” al Centro Educativo per l’Infanzia, l’Adolescenza e la Famiglia di Tor Bella Monaca.   Le giornate sono pienissime, di bambini e divertimento. Accogliamo i nostri bimbi con un bel momento di saluto, iniziamo giocando liberamente e poi […]

READ MORE

News

Roma: arrivano le attività estive

Dal 23 maggio accogliamo le domande di iscrizione alle attività estive nel nuovo “Centro Educativo per l’Infanzia, l’Adolescenza e la Famiglia” di Tor Bella Monaca, che si terranno dal 20 giugno al 12 agosto per bambini e ragazzi dai 4 ai 17 anni. La frequenza alle attività  è gratuita.     Oltre a giocare tanto […]

READ MORE

News

Un grazie di CUORE a chi ci aiuta!

Fortunatamente sono migliaia le persone che, con un cuore generoso e sensibile, ci aiutano a camminare a fianco di tanti bambini e bambini in Italia e nel mondo, per sostenerli nella loro crescita e formare gli adulti di domani. Grazie di cuore a tutti coloro che si sostengono, perché è una scelta che afferma l’immenso valore della […]

READ MORE